Inuit tribù nativi

cacciatore inuit popolazione

cacciatore inuit

Tribù nativi Inuit

In Quebec, gli Inuit vivono in un vasto territorio situato a nord del 55° parallelo chiamato Nunavik. La popolazione è raggruppata in soli 14 villaggi che raggruppano da 160 a 1400 residenti ciascuno. Questi villaggi, distanti centinaia di chilometri gli uni dagli altri, si trovano sulle rive della Baia di Hudson (Kuujjuarapik, Umiujaq, Inukjuak, Puvirnituq, Akulivik), lo Hudson (Ivujivik, Salluit, Kangiqsujjuaq, Quaqtaq) e la Baia Ungava (Kangirsuk, Aupaluk , Tasiujaq, Kuujjuaq e Kangiqsualujjuaq). Oltre 60 Inuit vivono anche in Chisasibi, un villaggio Cree della baia di Hudson. Il Nunavik è il territorio tradizionale degli Inuit oltre che di quello di pesca, venne popolato dagli antenati degli Inuit più di 5000 anni fa con popolazioni provienienti dalla Siberia e l'Alaska con ondate successive provenienti dal Canada e dal Quebec settentrionali. Intorno al 1400, balenieri ed esploratori europei iniziarono a frequentare la regione e a stabilire contatti stabili con gli Inuit per gli scambi commerciali, ma è soprattutto dal commercio di pellicce che venne, nel diciottesimo secolo, un grande cambiamento avvenne nella vita degli Inuit.

donna inuit tribù nativi americani

donna inuit con bambino

 

All'inizio del Ventesimo secolo, gli Inuit rifiutarono di continuare a usare le loro armi tradizionali scegliendo le più potenti armi da fuoco cosa che diede l'input perché gli scambi tra Inuit e scopritori decollassero con lo scambio di pellicce mentre nel 1950 vennero inseriti i servizi pubblici nella parte nord del 55° parallelo. Oggi, anche se le motoslitte e le case hanno sostituito gli igloo e le case prefabbricate originali della tradizione (chiamate "case del cane" per la grandezza e la struttura), la cura Inuit per conservare i loro valori, la cultura e la lingua ha preso il sopravvento rispetto la corsa dei giovani verso la modernità. La lingua Inuit, Inuktitut, è una lingua ricca e versatile, adatta alle realtà contemporanee mentre la seconda lingua Inuit è l'inglese. Le comunità Inuit hanno anche firmato un accordo per possedere l'autorità di gestione dei propri territori, l'accordo è conosciuto come accordo della Baia di James e Quebec settentrionale (JBNQA), tale trattato implica anche l'accordo nel quale si intende la costruzione di nuove strutture per governare la sanità, l'istruzione e i servizi sociali. La società Makivik creata dopo la firma dell'accordo, svolge un ruolo importante per lo sviluppo sociale ed economico della regione, servizi municipali vengono espletati da villaggi corporazioni del nord dove vengono governati come i villaggi del sud ed hanno la responsabilità dei villaggi riuniti la cui sede risiede a Kuujjuaq.

arte inuit

 

uccello scolpito inuit

Gli Inuit hanno rafforzato la loro economia grazie alla creazione di cooperative che oggi sono alla base della loro società per possedere l'autonomia nazionale: questo movimento cooperativo ebbe un ruolo di primo piano fin dalla sua instaurazione nel 1950 contribuendo all'evoluzione storica degli Inuit, permettendo loro di prendersi in carico le attività commerciali effettuate sul loro territorio aprendo anche il mercato a tutti gli artisti Inuit oltre che agli artigiani internazionali oggi, infatti, vi sono tredici negozi appartenenti alla cooperativa nei quattordici villaggi Inuit. L'economia del Inuit si basa anche su attività connesse al trasporto (aereo), i servizi, l'amministrazione e del turismo. Il miglioramento della società Inuit, col trascorrere dei secoli, è avvenuto grazie all'esportazione dei pregiati lavori Inuit fatti di osso, legno o pietra che vengono stimati come capolavori in tutto il mondo in special modo le sculture fatte di pietra ollare che sono diventate il marchio di fabbrica di questa società eccezionale.