Yuwipi cerimonia guarigione

 legatura yuwipi rituale guarigione lakota

legature per cerimonia yuwipi

Yuwipi cerimonia di guarigione Lakota Sioux

Yuwipi

Una Yuwipi è un rituale di guarigione appartenente alla tradizione Lakota-Sioux: in questa cerimonia, il guaritore viene legato con una coperta speciale mediante corde mentre prega per la guarigione di una o più persone che possono partecipare al rito oppure essere distanti, anche chi è present può pregare per la guarigione di qualcuno, conoscente o familiare, malato perché riesca a superare il disturbo che lo interessa.

Storia

Lo Yuwipi (pronunciato yoo-WEE-pipì) è una cerimonia tradizionale del popolo Lakota che viene usata per le guarigioni, per la profezia e per trovare gli oggetti smarriti o le persone disperse. Yuwipi significa "lo avvolgono" o "si legano sopra": la cerimonia può essere eseguita in qualsiasi momento, non è una cerimonia annuale, di solito viene effettuata come si diceva prima per guarire un malato o un ferito, ma può anche essere effettuata per trovare qualcosa che manca o che sia andato perso. La cerimonia di guarigione è simile alla cerimonia della Danza del Sole, in quanto utilizza la sacra pipa e viene usata per la connessione con gli spiriti.

altare guarigione yuwipi lakota soiux

altare antico yuwipi

Si usa la sacra pipa per mandare il fumo del tabacco (Nicotiana rustica) agli spiriti degli anziani come in tutte le cerimonie rituali. Si pensa che il nome della sacra pipa, Chanupa, derivi da riferimenti a un albero della vita unito al concetto di Madre Terra. Il popolo Lakota usava uno speciale tipo di tabacco adoperato solamente per le loro cerimonie. Il tabacco viene impiegato per ottenere rilassamento mentale e calma interiore, composto di tre ingredienti diversi per costituire il tabacco da cerimonia differente da quello per l'uso promisquo giornaliero: il tabacco da cerimonia era composto prendendo la corteccia dell'albero di un salice rosso, la radice di "orso" (una pianta medicale molto usata) e foglie verdi di una albero particolare che non ci è dato sapere.

Yuwipi Cerimonia

Spiriti
Gli spiriti si differenziano a seconda di chi è l'uomo  di guarigione e da quale è lo scopo della cerimonia. Gli spiriti possono essere spiriti degli antenati umani o possono essere spiriti animali: questi ultimi possono essere uccelli o animali a quattro zampe. Gli spiriti di uccelli possono essere aquile, falchi, gufi, pettirossi, merli o di aquila, quest'ultimo considerato un uccello molto potente a livello simbolico ma anche reale, mentre gli animali a quattro zampe possono variare dal coyote all'orso nero. l termine Yuwipi si può riferire anche a certe pietre infatti spesso certi spiriti vengono indicati come "uomini di pietra" forse per via del fatto che un morto non può più interagire con la nostra realtà perciò risulta essere come una pietra "inamovibile": le pietre fanno parte della cerimonia dello Yuwipi, rappresentando gli spiriti che arrivano quando fa buio o (per quello che riguarda il simbolismo) rappresentano le paure innate della psiche umana che si affacciano alla mente cosciente nei momenti in cui essa perde la sua stabilità e sicurezza.

Uomini Yuwipi
L'uomo Yuwipi rappresenta il guaritore ed è colui che verrà legato per effettuare la cerimonia, egli è molto simile all'uomo medicina, lo sciamano, usa infatti la cerimonia della guarigione per entrare in contatto con gli spiriti come fosse una seduta spiritica antelitteran: il guaritore deve essere ben addestrato nella cerimonia seguendo linee guida ben marcate che non possono e non devono essere infrante o ignorate pena la possibilità di ammalarsi e perdersi a sua volta ma anche le persone presenti alla cerimonia devono essere ben educate a riguardo infatti nessuno può toccare la zona inerente all'altare o le corde che vi pendono, poiché se un a persona le toccasse le pietre potrebbero essere gettate dagli spiriti contro di loro per punirli dell'errore, le luci devono rimanere spente durante tutta la cerimonia di guarigione altrimenti gli spiriti non arriveranno perché le entità temono la luce. L'altare della cerimonia di guarigione varia da guaritore a guaritore poiché egli è colui che interagisce con le entità che hanno il potere di guarire, è necessaria spesso tutta la comunità per riuscire a guarire una persona malata e la concentrazione è fondamentale. Gli spiriti sono simili al guaritore per carattere e potere perciò anche l'altare dovrà rappresentare l'Io del guaritore.

Cerimonia

La cerimonia ha inizio quando l'uomo Yuwipi viene legato con la corda e messo con la faccia sopra l'altare, le luci vengono spente, le persone presenti iniziano a cantare canzoni di guarigione, il tamburo, che è considerato uno dei più sacri strumenti dai Lakota, inizia a suonare ritmicamente nel tentativo di evocare gli spiriti. Le canzoni sono differenti a seconda di ciò che si ha intenzione di chiedere e secondo il problema che ostacola la guarigione del malato. Quando gli spiriti hanno terminato di comunicare i presenti cantano per chiedere di slegare il guaritore che, se riuscirà a slegarsi, indicherà agli astanti che la guarigione arriverà presto. I segni che accompagnano la venuta delle entità sono il terreno che trema e i ssonagli che suonano vigorosamente, di solito essi arrivano dopo quattro o cinque canzoni  e allora scintille blu appaiono nell'aria: i bambini sono maggiormente in grado rispetto agli adulti di vedere questi esseri poiché essi sono entità innocenti. Ad un certo punto del climax si cominciano a cantare le canzoni inerenti al fatto che gli spiriti prendano le offerte che gli sono state lasciate onorandoli mentre le ultime canzoni che vengono intonate sono perché essi tornino in pace da dove sono venuti, infatti una delle canzoni significa "spiriti andate a casa" mentre l'altra "smettete di fumare" che indica il fatto che smettano di materializzarsi grazie all'incenso bruciato. Dopodiché le luci vengono riattivate, il guaritore che si siede tranquillamente sull'altare usando la coperta usata per il rito. La cerimonia è molto faticosa per il guaritore (non pensino i classici "pappagalli" che scimmiottano gli indiani americani di usare questa cerimonia per fare soldi perché verreste subito sgamati da chi conosce un pò le vere tradizioni inoltre non esistono indiani originali che la insegnino ai bianchi o che la pratichino fuori delle proprie riserve e per non più di una perosona al giorno). Al termine della cerimonia a tutti è permesso fumare dalla pipa anche alle donne e ai bambini anche se la cosa non è obbligatoria ma solo dopo che sono stati purificati dal fumo della sacra pipa.

pipa sacra lakota soiux

pipa sacra