Pubertà donna lakota

 passaggio da bambina all'età adulta

Rituale pubertà della ragazza


Il rito di passaggio dallo stato adolescenziale femminile allo stato di donna veniva chiamato Išnati awicalowan. Quando la ragazza ha le sue prime mestruazioni, inizia l'epoca dela pubertà si eseguiva il rituale di passaggio chiamato Išnati awicalowan, "cantano sopra le sue prime mestruazioni". Išnati significa letteralmente "ad abitare da sola" (da išnala, "solo" e ti "abitare") e si riferisce sia all'atto delle mestruazioni e dell'isolamento in cui la donna viveva durante il proprio periodo mestruale. Il rituale è indicato come la cerimonia di Buffalo perché la bufala è l'entità che rimane a guardia della castità e la fecondità di una donna. Il rito segna il passaggio dall'adolescense alla fase adulta nella donna, durante l'esecuzione della festa la ragazza viene edotta da uno sciamano nelle sue responsabilità verso la sua famiglia e le persone. Il rituale stabilisce anche il suo rapporto con il sacro vitello, chiamato Donna Bisonte Bianco.

Entro alcuni giorni dopo il periodo mestruale della ragazza, il padre chiede a uno sciamano di condurre il rituale: i suoi parenti di sesso femminile erigono un nuovo tepee, alla ragazza viene ordinato di mettere il suo fagotto mestruale in un albero di prugne per proteggerlo dalle influenze malvagie Iktomi. Un nuovo altare viene costruito, un teschio di bufalo, la pipa, le bacchette da preghiera, la ciotola e profumate erbe vengono poste su esso. Lo sciamano nel suo ruolo di conduttore della cerimonia indossa un copricapo di bufalo e una coda di bufalo. Tutti gli uomini e donne insigni sono invitati al tipi, ma le donne che stanno avendo il loro periodo mestruale non sono autorizzati ad entrare per non inquinare ritualmente gli oggetti sacri o rendere inefficace il rituale. Quando tutti sono seduti, la ragazza viene fatta di sedere tra l'altare e il camino, a gambe incrociate come gli uomini e i bambini.

donna maturità nativi indiani america

 

donna indiana americana

Lo sciamano riempie e fuma la pipa che soffia sul muso del cranio di bufalo. Si applica poi vernice rossa sulla fronte del cranio, da cui una linea rossa corre perpendicolarmente alla regione occipitale. Egli istruisce poi la ragazza di essere operosa come il ragno, silenziosa e saggia come la tartaruga e allegra come il Meadowlark un animale che canta in maniera straziante e vivace. Lo sciamano avverte poi la ragazza riguardo le influenze maligne dicendole che è ora una bufala e lui è un toro. Comincia quindi a cantare e ballare andando verso di lei, come un toro sivo durante la stagione degli amori cercando di imitare i tori nella stagione degli amori simbolizzando il rituale di accoppiamento del bufalo maschio. Ogni volta che lo sciamano si muove furtivamente verso la ragazza, la madre della giovane mette salvia sotto le braccia e sul suo grembo. Lo sciamano mette la ciotola piena d'acqua e chokecherry sul terreno e la ragazza dice che si tratta di un abbeveratoio per il bufalo nella prateria, dopo di che il rituale prosegue con lo sciamano che beve dal grembo della ragazza come farebbe un bufalo. Quando egli ha bevuto un pò della miscela di acqua e chokecherry, il resto viene fatto girare tra i presenti in modo che tutti possano bere. Alla ragazza viene poi detto di sedere nel luogo sacro alla maniera di una donna, con entrambe le gambe da un lato.

Ella quindi si sveste e lo sciamano le pone il cranio di bufalo sulla testa, dicendo che la ragazza ora dà il suo vestito per la donna bufalo e a qualsiasi persona bisognosa può venire a prenderlo. Una donna bisognosa da fuori il tepee entra e prende il vestito. La madre allora le scioglie i capelli  così che le consentano di cadere alle spalle e sul davanti, piuttosto che restare dietro sulla schiena, che rappresenta il taglio di capelli dei bambini. La persona sacra dipinge la fronte di rosso, con una linea rossa che si estende attraverso la linea dei suoi capelli. La madre va a rimuovere il fagotto nel quale si era assicurato il fascio mestruale della ragazza. A questo punto le viene detto che lei è ormai una donna e può lasciare il tepee. Tutte le persone poi lasciano il tepee per prendere parte a una festa in onore della ragazza.

Išnati awicalowan .... Rituale pubertà della ragazza


Quando la ragazza ha le sue prime mestruazioni, inizia l'epoca dela pubertà si eseguiva il rituale di passaggio chiamato Išnati awicalowan, "cantano sopra le sue prime mestruazioni". Išnati significa letteralmente "ad abitare da sola" (da išnala, "solo" e ti "abitare"), e si riferisce sia all'atto delle mestruazioni e dell'isolamento in cui la donna viveva durante il proprio periodo mestruale. Il rituale è indicato come la cerimonia di Buffalo perché la bufala è l'entità che rimane a guardia della castità e la fecondità di una donna. Il rito segna il passaggio dall'adolescense alla fase adulta nella donna, durante l'esecuzione della festa la ragazza viene edotta da uno sciamano nelle sue responsabilità verso la sua famiglia e le persone. Il rituale stabilisce anche il suo rapporto con il sacro vitello, chiamato Donna Bisonte Bianco.

Entro alcuni giorni dopo il periodo mestruale della ragazza, il padre chiede a uno sciamano di condurre il rituale: i suoi parenti di sesso femminile erigono un nuovo tipi, alla ragazza viene ordinato di mettere il suo fagotto mestruale in un albero di prugne per proteggerlo dalle influenze malvagie Iktomi. Un nuovo altare viene costruito, un teschio di bufalo, la pipa, le bacchette da preghiera, la ciotola e profumate erbe vengono poste su esso. Lo sciamano nel suo ruolo di conduttore della cerimonia indossa un copricapo di bufalo e una coda di bufalo. Tutti gli uomini e donne insigni sono invitati al tipi, ma le donne che stanno avendo il loro periodo mestruale non sono autorizzati ad entrare per non inquinare ritualmente gli oggetti sacri o rendere inefficace il rituale. Quando tutti sono seduti, la ragazza viene fatta di sedere tra l'altare e il camino, a gambe incrociate come gli uomini e i bambini.

Lo sciamano riempie e fuma la pipa che soffia sul muso del cranio di bufalo. Si applica poi vernice rossa sulla fronte del cranio, da cui una linea rossa corre perpendicolarmente alla regione occipitale. Egli istruisce poi la ragazza di essere operosa come il ragno, silenziosa e saggia come la tartaruga e allegra come il Meadowlark un animale che canta in maniera straziante e vivace. Lo sciamano avverte poi la ragazza riguardo le influenze maligne dicendole che è ora una bufala e lui è un toro. Comincia quindi a cantare e ballare andando verso di lei, come un toro sivo durante la stagione degli amori cercando di imitare i tori nella stagione degli amori simbolizzando il rituale di accoppiamento del bufalo maschio. Ogni volta che lo sciamano si muove furtivamente verso la ragazza, la madre della giovane mette salvia sotto le braccia e sul suo grembo. Lo sciamano mette la ciotola piena d'acqua e chokecherry sul terreno e la ragazza dice che si tratta di un abbeveratoio per il bufalo nella prateria, dopo di che il rituale prosegue con lo sciamano che beve dal grembo della ragazza come farebbe un bufalo. Quando egli ha bevuto un pò della miscela di acqua e chokecherry, il resto viene fatto girare tra i presenti in modo che tutti possano bere. Alla ragazza viene poi detto di sedere nel luogo sacro alla maniera di una donna, con entrambe le gambe da un lato.

Ella quindi si sveste e lo sciamano le pone il cranio di bufalo sulla testa, dicendo che la ragazza ora dà il suo vestito per la donna bufalo e a qualsiasi persona bisognosa può venire a prenderlo. Una donna bisognosa da fuori il tepee entra e prende il vestito. La madre allora le scioglie i capelli  così che le consentano di cadere alle spalle e sul davanti, piuttosto che restare dietro sulla schiena, che rappresenta il taglio di capelli dei bambini. La persona sacra dipinge la fronte di rosso, con una linea rossa che si estende attraverso la linea dei suoi capelli. La madre va a rimuovere il fagotto nel quale si era assicurato il fascio mestruale della ragazza. A questo punto le viene detto che lei è ormai una donna e può lasciare il tepee. Tutte le persone poi lasciano il tepee per prendere parte a una festa in onore della ragazza.