Origini nomi Stati Americani

Origini dei nomi degli Stati americani

Stati Uniti d'America Stati americani origine dei nomi

Origine dei nomi degli Stati americani

Vi siete mai chiesti da dove vengano i nomi usati per definire gli Stati degli USA? Beh cerchiamo di fare un po' di chiarezza.

Nomi Stati americani origini

Gli Stati Americani degli Stati Uniti d'America sono in tutto 50 e ogni nome ha la sua storia che però in pochi conoscono. Vediamo l'origine dei nomi di ciascuno degli Stati americani uno a uno.

Alabama

Alabama è anche il nome dell'omonimo fiume che attraversa lo Stato meridionale, che porta lo stesso nome di una tribù di nativi americani, che in lingua originale si facevano chiamare Albaamaha. Sembra che il nome Alabama fosse il nomignolo con cui una tribù di Choctaws usava definire la tribù alabama per definire i soggetti come raccoglitori, mentre poi il nome sarebbe stato usato dalla stessa tribù per definire i propri appartenenti.

Alaska

Nel nord-ovest dell'Alaska, abitava una tribù di nativi americani, più propriamente nelle isole Aleutine. Questa tribù veniva definita Aleutini dai russi che facevano commercio con loro ma il nome corretto era Unangan, come la tribù si riferiva a sé stessa, definendosi in lingua locale alaxsxaq (ah-lòk-shok), che significa letteralmente "la dove il mare agisce".

Arizona

Ancora una volta, il nome di questo Stato americano, deriverebbe da una parola nativa, nello specifico ali ṣona-g, che significa “una piccola primavera”, parola di derivazione Pima. Gli spagnoli che sostarono e conquistarono queste terre, storppiarono poi la parola originale in Arizonac, che divenne poi Arizona con il passare dei secoli.

Arkansas

I primi stranieri occidentali ad arrivare nella zona furono i francesi, accompagnati da gui de indiane originarie dell'Illinois che chiamavano le genti che abitavano queste terre di nome Ugakhpa, con il termine Akansa che significa "gente dle vento". La pronuncia rimase oscillante tra “Arkanses” e
“Arkensou” finché la seconda non venne ufficialmente indicata come corretta con una legge statale, nel 1881.

California

Sembra, ma non è sicuro, che il nome della California spunti per la prima volta nel romanzo di Garci Ordóñez de MontalvoLas Sergas de Esplandián, che dice che il territorio in cui le donne vivevano “come le Amazzoni” era governato dalla regina Califia, poi divenuto California.

Colorado

I primi stranieri ed esploratori che visitarono queste terre così inospitali, si trovarono davanti un fiume che trasportava terre rosse e, per questo, chiamarono tale fiume fiume colorato ovvero Rio Colorado. Dal 1861, i territori dove scorreva il Rio Colorado e dove si pensava che nascesse, molto a nord di queste terre, prese a chiamarsi con questo nome. Il Rio Colorado nasceva nello Utah congiungendosi con il Grand River, per questo, il Congresso degli Stati Uniti, nel 1921, mutarono il nome del fiume in Grand River.

Connecticut

In quelle terre vivevano i nativi Mohegans che chiamavano le terre attorno al fiume che vi scorreva quinnitukqut, che significa “il luogo del lungo fiume”, da qui il nome dello Stato americano.

Delaware

Questo Stato prende il nome dal primo governatore coloniale inglese della Virginia, sir Thomas West terzo barone De La Warr, che morì nel 1618, durante un viaggio verso la Virginia per andare a verificare voci sui maltrattamenti delle popolazioni che vi vivevano.

Florida

Il nome di questo Stato è ancora il più antico nome europeo che sopravvive nel nuovo continente: si pensa che sia stato il conquistatore spagnolo Juan Ponce de León che sbarcò sulle coste dello Stato, durante l'epoca della Festa dei Fiori e quindi chiamò il luogo pascusa florida.

Georgia

Questo nome deriva da una decisione del parlamento e di alcuni filantropiinglesi che per ringraziare Re Giorgio II diedero il nome del reggente allo Stato all'inizio del '700.

Hawaii

L'origine di questo noe da ancora oggi molti grattacapi ai ricercatori storici: per alcuni storici il nome Hawaii deriverebbe dalla lingua polinesiana locale pe rindicare "patria" ovvero Sawaiki, altri invece dicono che il posto veniva chiamato dai nativi con il nome hawaiki.

Idaho

Fu un industriale di nome George M. Willling a proporre il nome nel 1860 al Senato Statunitense. Essendo anche un imprenditore del settore minerario, voleva usare un termine derivato dalle tribù Shoshone che significava "gemma delle montagne". Anche se uno dei senatori fece notare che una tal parola non esisteva in nessuna delle lingue dei Nativi americani locali, non venne asocltato e il nome rimase per indicare lo Stato. Altri dicono che il nome Idaho derivi in vece da un dialetto Apache e serva a indicare la parola "nemico" , idaahe, che serviva ai Kiowas per riferirsi ai Comanche, con cui entrarono in contatto nella zona.

Illinois

Il nome deriva dai primi esploratori francesi che si stabilirono in quelle zone, alla fine del '600. Sembra fosse un modo di dire per definire sé stessi come "uomini" alla domanda che chiedeva da dove venissero.

Indiana

La parola indica "terra degli indiani", nome che proviene dalle genti native che vi risiedevano. Fu una società commerciale di Philadelphia a definire il paese con questo nome per onorare le tribù indiane che vi abitavano prima dell'arrivo dei coloni. Vi fu anche una disputa per le terre che facevano parte anche della Virginia, la quale vinse e riuscì ad annettere quelle terre chiamate Indiana. Le stesse terre riuscirono a tornare libere nel 1816 tornando prima a chiamrsi Territorio e poi con il vecchio nome Indiana.

Iowa

Il nome deriva da una tribù del posto, gli Ioway, situata oggi più a ovest in un agglomerato di riserve che è divenuta la Nazione Iowa degli indiani americani. Sembra, seppure non sia sicuro, che la definizione in esame indicasse gli appartenenti alla tribù, poiché si definivano Iowa, almeno da quanto dicono i discendenti della tribù che spiegano come il termine fosse pronunciato Ayuhwa, che significa "assonnati", aggettivo che venne dato loro dai Sioux per prenderli in giro, un po' come venissero definiti ritardati o lenti...

Kansas

Il nome della reiogne deriva dal fiume, omonimo, che vi scorre, che ricevette il nome dalla tribù dei Kansa, che risiedevano lungo le sue sponde. Anche gli originali nativi hanno dimenticato il significato originale del nome che dovrebbe avere attinenza con il vento ma non ci sono certezze.

Kentucky

Sembra che il nome derivi dalle tribù Irochesi che potrebbe significare "prateria" o "campo" ma anche "fiume di sangue".

Louisiana

Furono i coloni francesi appartenenti dal regno di Luigi XIV, chiamato Il Re Sole, nel '700 a dare il nome al territorio, chiamandolo "la terra di Luigi" ovvero Louisiane.

Maine

Sembra pe rquanto riportato a certe ricerche, “Maine” sarebbe una forma abbreviata di mainland, “terraferma”, usata per chiamare il territorio dai marinai della zona a partire dal Seicento.

Maryland

Il nome deriva da quello della regina Henrietta Maria, moglie del re inglese Carlo I, he regnò dal 1625 al 1649, anno finale nel quale venne decapitato dopo la guerra civile guidata da Oliver Cromwell. Il fondatore, lord Baltimore, ha dato il nome alla città più grande dello stato, Baltimora (la capitale è Annapolis).

Massachussetts

Il nome dello stato viene dalla popolazione indigena dell’area, i Massachusett. Il nome significa “vicino alla grande collina”, con riferimento alle Blue Hills che si trovano a sudovest di Boston.

Michigan

Il nome dello stato viene dal nome del lago Michigan, uno dei cinque Grandi Laghi degli Stati Uniti nordorientali, al confine con il Canada. A sua volta, il nome del lago è la versione francese della parola indiana Ojibwa misshikama (pronuncia “mishigàma”) che significa “grande lago”.

Minnesota

La tribù dei Dakota chiamava il fiume Minnesota mnisota (da mni, “acqua”, e sota, “nuvolosa, fangosa”). I primi coloni aggiunsero qualche -i- per aiutare la pronuncia. Il nome della città principale, Minneapolis, è attribuito al primo maestro della scuola della città, che combinò mni conpolis, termine greco per “città”.

Mississippi

Il nome deriva come spesso accade dal fiume che vi scorre attraverso: il fiume Mississippi viene anche definito "il padre delle acque", ma la parola deriverebbe dalla parola francese messipi che in lingua Ojibwa si pronucerebbe misisipi e che significa "grande fiume".

Missouri

Anche in questo caso il nome della regione deriva dal fiume che vi scorre, che a sua volta prende il suo nome da una tribù di nativi che viveva lungo le sponde del fiume stesso. Il nome Missouri deriva dal nome che i Sioux usavano per definire i vicini indiani che facevano parte della Confederazione Illinois , ouemessourita che sta a significare "quelli con le canoe scavate".

Montana

Montana viene dallo spagnolo montaña, con riferimento ai molti picchi montuosi che sono presenti soprattutto nella parte ovest dello stato. Non si sa chi fu a inventare o a utilizzare il termine, riferito al territorio.

Nebraska

Nell’antica lingua indiana Otoe, Ñí Brásge (che nell’Otoe parlato oggi dai discendenti dei nativi è Ñí Bráhge) significa “acqua piatta”, con riferimento al fiume Platte che attraversa lo stato.

Nevada

Nevada, in spagnolo, significa “nevicata”, e venne dato prima alla catena montuosa della Sierra Nevada (“monti innevati”) e poi allo stato. Mental floss precisa che la pronuncia non è “nevàda”, ma qualcosa di più simile a “navèda” (con la vocale accentata a metà tra “a” ed “e”) e che i locali ci tengono molto.

New Hampshire

Lo Hampshire è una contea dell’Inghilterra meridionale, quella dove si trovano Winchester, Portsmouth e Southampton e quella dove visse a lungo da bambino John Mason, il cartografo ed esploratore a cui il re d’Inghilterra diede il permesso di stabilire una colonia nel Nuovo mondo nel 1622. Nonostante avesse già diversi titoli riferiti alla Provincia del New Hampshire e ci avesse già investito diversi soldi per costruire i primi insediamenti, non ci mise mai piede, perché morì nel 1635, a 49 anni, mentre si preparava a fare il primo viaggio nella colonia di sua proprietà.

New Jersey

Jersey è la più grande tra le Isole del Canale britanniche, che si trovano nel Canale della Manica e che formalmente sono dipendenze dirette della Corona (non fanno parte del Regno Unito). A Jersey era nato, ed era stato governatore per molti anni, sir George Carteret (1610-1680), che insieme a sir John Berkeley fondò la colonia. Dopo 10 anni in cui i due furono co-proprietari della colonia, dal 1664 al 1674, Berkeley e Carteret litigarono e si divisero il New Jersey in due: East Jersey di Carteret e West Jersey di Berkeley. La secondatuttavia fallì nel 1702 e le sue proprietà ritornarono alla corona, che unificò nuovamente il territorio.

New Mexico

Quando il Messico diventò indipendente dalla Spagna, nel 1821, del suo territorio faceva parte anche il territorio del New Mexico, da secoli parte del Vicereame della Nuova Spagna. Il territorio venne ceduto agli Stati Uniti solo dopo il 1848, al termine di una guerra con gli Stati Uniti, e due anni dopo venne stabilito il Territorio del New Mexico, che originariamente comprendeva anche più della metà dell’Arizona, parte del Colorado e del Nevada, e che diventò uno stato dell’unione con i suoi confini ridotti solo nel 1912.

New York

Lo stato e la città devono il loro nome a James Stuart, duca di York e poi re di Inghilterra, con il nome di Giacomo II, dal 1685 al 1688. La città di York è una delle più antiche città inglesi, e il suo nome – che forse risente dell’influsso delle lingue celtiche che si parlavano nella zona – viene da quello che gli diedero i romani nel 71 d.C., Eboracum.

North e South Carolina

Re Carlo II d’Inghilterra, che regnò dal 1660 al 1685 durante il periodo turbolento della rivoluzione di Cromwell (suo padre era il Carlo I di cui abbiamo già parlato a proposito del Maryland) diede il permesso regale per lo stabilimento della colonia, dandogli anche il nome di Carolina (dal latinoCarolus) in onore di suo padre. Le due province, divise di fatto già negli anni Novanta del Seicento, vennero separate ufficialmente nel 1712.

North e South Dakota

Il nome viene dalla tribù dei Dakota, che facevano parte del gruppo etnico culturale (e politico) dei Sioux. Che cosa significhi il nome non è chiaro, ma è possibile che in lingua Sioux significhi “amico” o “alleato”. Il Territorio del Dakota venne creato nel 1861 ed esistette fino al 1889, quando venne diviso e unito agli Stati Uniti con due stati separati.

Ohio

Un viaggiatore francese nella regione scrisse nel 1750 che il fiume Ohio era “un bel fiume” e disse che i locali lo chiamavano, appunto, Ohio. Successivamente, molti presero il nome indiano per una traduzione di “bel fiume”, anche se più probabilmente la parola ohio significa solo “largo, grande”.

Oklahoma

Oklahoma è il nome con cui gli indiani Choctaw chiamavano tutti i nativi americani. È formato dalle parole ukla, “persona” e humá, “rosso”: “uomini rossi”. Il nome dello stato venne suggerito da Allen Wright, capo della Nazione Choctaw tra il 1866 e il 1870, durante i negoziati con il governo federale per l’uso del territorio indiano.

Oregon

Per spiegare l’origine del nome sono state fatte almeno cinque ipotesi, tutte molto diverse: dal francese ouragan, perché gli esploratori francesi chiamavano il fiume Columbia “fiume degli uragani”; da oolighan, nome in lingua indian Chinook di un pesciolino molto diffuso lungo le coste del Pacifico; dallo spagnolo orejón (“grandi orecchie”), che era il modo con cui i primi esploratori spagnoli si sarebbero riferiti ai nativi; da un errore di lettura di una mappa francese dell’inizio del Settecento, in cui Ouisiconsink (“fiume Wisconsin”) era scritto per errore “Ouariconsint”, errore poi passato negli atti dell’amministrazione britannica; dal nome Sioux per “fiume dell’ovest”, come raccolto dall’esploratore Jonathan Carver.

Pennsylvania

Lo stato venne chiamato così in onore dell’ammiraglio britannico William Penn (1621-1670). Il territorio era stato dato al figlio dell’ammiraglio, anche lui di nome William, in pagamento di un debito che la corona aveva con suo padre. Il re Carlo II la chiamò “Pennsylvania”, unendo il cognome “Penn” a sylva, dal latino per “bosco”, e aggiungendo -nia. Pare che il nome non piacesse a Penn junior, che temeva che la gente pensasse a un nome dato per celebrare se stesso.

Rhode Island

In una sua lettera, l’esploratore italiano Giovanni da Verrazzano paragonò un’isola vicino alla baia di Narragansett all’isola di Rodi, nel Mediterraneo (oggi in Grecia, allora parte dell’Impero Ottomano). Un’altra spiegazione,preferita dal governo dello stato, è che l’esploratore olandese Adrian Block chiamò la zona “isola rossa”, Roodt Eylandt, riferendosi al colore dell’argilla lungo la costa.

Tennessee

Il nome viene da due villaggi di nativi americani, o forse lo stesso villaggio, in cui capitarono due esploratori europei a quasi due secoli di distanza. Nel 1567, lo spagnolo Juan Pardo arrivò a Tanasqui, nell’odierno Tennessee; quasi duecento anni dopo, alcuni commercianti britannici giunsero a Tanasi, un villaggio Cherokee all’estremità occidentale dello stato. Le ricerche moderne propendono per due villaggi distinti, uno dei quali diede il nome a tutto il territorio.

Texas

“Texas” viene da teysha, una parola ampiamente usata dalle tribù indiane del Texas orientale e che significa “amici” o “alleati”. La sua pronuncia e il suo significato variano parecchio tra le varie tribù, in alcune delle quali è usata anche come saluto. Gli esploratori spagnoli utilizzarono questa parola per salutare le tribù alleate in un’ampia area del Texas e dell’Oklahoma, arrivando lentamente a chiamare così anche l’area in cui si trovavano i loro insediamenti.

Utah

I coloni spagnoli chiamarono Utes la tribù indigena che abitava nell’odierno Utah: la parola ute, nella lingua indiana locale, significa “Terra del Sole”, anche se gli indigeni si riferivano a loro stessi come ai Nuciu, che significa semplicemente “la gente”.

Vermont

La parola viene dal francese ed è formata da vert, “verde”, e mont, “monte”. Il reverendo anglicano Samuel Peters, originario del Connecticut, disse di aver battezzato così quella terra dopo aver scalato il Killington Peak (allora chiamato Pisgah) nel 1763. Gran parte degli storici propende invece perché il nome sia stato dato dal politico della Pennsylvania Thomas Young, che suggerì al nascente stato del Vermont di usare la costituzione del suo stato come base e suggerì probabilmente anche il nome, in modo da ricordare la milizia dei Green Mountain Boys che resistette a un tentativo di espansione nell’area da parte dello stato di New York nella seconda metà del Settecento.

Virginia

Alla fine del Cinquecento, la regina Elisabetta I d’Inghilterra diede all’aristocratico ed esploratore Walter Raleigh il permesso regale per lo stabilimento di una colonia a nord della Florida spagnola. La stessa corte regale o Raleigh chiamarono allora il territorio “Virginia” da uno dei soprannomi della regina, “la Regina Vergine”. Con il nome Virginia veniva inizialmente chiamato tutto il territorio coloniale britannico sulla costa orientale degli Stati Uniti.

Washington

Lo stato venne chiamato così in onore del primo presidente degli Stati Uniti, George Washington. È l’unico stato degli Stati Uniti chiamato in onore di un presidente. Anche la capitale degli Stati Uniti si chiama Washington, ma si trova nel distretto federale di Columbia. Per aumentare la complicazione, in origine il territorio degli Stati Uniti occidentali era chiamato “Columbia” dal nome del fiume Columbia, ma il nome venne cambiato per non confondersi proprio con il District of Columbia.

West Virginia

Durante la Guerra civile americana, 39 contee della Virginia votarono per creare un nuovo stato piuttosto di unirsi alla Confederazione (gli stati meridionali): inizialmente lo stato, ufficialmente formato nel 1863, doveva chiamarsi Kanawha, ma successivamente si decise di tenere il riferimento alla Virginia.

Wisconsin

Il nome deriva da quello con cui le tribù indigene della regione chiamavano il fiume Wisconsin,Meskousing. Il nome venne registrato dall’esploratore francese Jacques Marquette ma con il passare del tempo si modificò in Ouisconsin, che venne trascritto in inglese nel modo attuale all’inizio dell’Ottocento e poi fissato per legge nel 1845. Come spesso accade in questi casi, gli studiosi moderni non sono riusciti a trovare una parola esattamente corrispondente a quella registrata da Marquette e credono ora che venga da una parola presa in prestito dalle vicine tribù degli indiani Miami.

Wyoming

Gli indiani Lenape, che si spostarono verso ovest in conseguenza della Guerra di indipendenza degli Stati Uniti alla fine del Settecento, chiamavano la loro regione d’origine (più o meno nell’odierna Pennsylvania) mecheweami-ing, che vuol dire “sulle grandi pianure”. Per lo stato vennero proposti molti altri nomi, come Cheyenne, Shoshoni, Arapaho, Sioux, Platte, Big Horn, Yellowstone e Sweetwater, ma venne scelto Wyoming perché era già in uso tra i coloni della zona.