Gioco rituale lakota

 gioco palla donna bufalo bianco

sacra donna bufalo bianco

Tapa wankayeyapi: il lancio della palla rituale

Questo rituale si chiama Tapa wankayeyapi, che significa "gettando la palla" (da tapa, "palla", wanka, "verso l'alto" "sacro", e yeyapi, "che provocano il via" "da cui scaturisce la partenza"). Questo rituale è stato insegnato agli Oglala grazie a una visione in cui un uomo vide un vitello di bufalo crescere in un essere umano femmina che aveva una palla fatta di pelle di bufalo ripiena dei capelli che coprono la femmina del bufalo, gettò la palla a una mandria di bufali ritta a Occidente quando immediatamente cominciarono a trasformati in esseri umani, poi uno di essi prendeva la palla e la restituiva a lei. Questo veniva ripetuto alle quattro direzioni, dopo di che la ragazza si trasformò nuovamente in un vitello di bufalo.

Nel rituale, una giovane ragazza si trova nel centro di un campo di gioco, mentre un gran numero di persone si trovano alle quattro direzioni: si lancia una palla rotonda che è simbolicamente dipinta per rappresentare l'universo, a ciascuna delle quattro direzioni, a cominciare con l'Occidente ogni persona in questo gruppo cerca di prendere la palla. Colui che ci riesce offre la palla alle quattro direzioni, oltre al sopra e al sotto, poi la restituisce alla ragazza per il tiro successivo.

Si dice che la palla rappresenta Wakantanka e le squadre di concorrenti rappresentano persone mescolate tra loro per essere vicini agli spiriti del mondo moderno. Ai vecchi tempi, ogni persona aveva la possibilità di prendere la palla sacra, ma oggi solo pochi sono in grado di catturarla. La palla è il simbolo della conoscenza e il tentativo delle persone di prenderla rappresenta la lotta della gente sepolta nell'ignoranza che cerca di liberarsi. Si può dire che questo rituale dei nativi americani sia una specie di gioco del pallone ante litteram sacralizzato e ritualizzato che portava il significato della vita nell'esistenza di tutti i giorni.