Capanna sudatoria

La capanna sudatoria sciamanesimo

Il rito della capanna sudatoria chiamata normalmente dagli indiani Inipi, conosciuta anche come sauna o sweat lodge, anche se tale termine non è molto corretto e parecchio riduttivo, era ed è uno dei più antichi della tradizione Lakota e di molte altre tribù indiane del centro nord America. La capanna sudatoria dove i Lakota effettuano l’inipi si chiama initi che significa “un tipì in cui fare ini”, quando fa ini il Lakota rafforza la propria nì cercando di espellere tutto ciò che è nocivo.
 

capanna sudatoria inipi

 Capanna sudatoria Inipi dei Nativi Americani

La (paragonabile all'anima) del Lakota è ciò che il corpo assimila con il respiro che lo riempie e che lo mantiene in vita ovvero il soffio vitale. Quando la nì lascia il corpo il Lakota muore, per la precisione quando il Lakota dice inipi intende dire che fa ini. Il Lakota attraverso l’inipi tenta di rinforzare il proprio nì e allo stesso tempo di purificare il proprio corpo ma tuttavia è una purificazione spirituale che consente di sentirsi vicino al “Grande mistero”. L’Initi è collegato alla base di tutte le cerimonie importanti e in special modo all’uso della cannunpa Wakan ( pipa sacra) perché il fornello della cannunpa Wakan è costituito da Inyan (roccia) e più specificatamente da roccia rossa ovvero da Tunkasila (l’antenato definito nonno) e dalla carne stessa dei Tunkasilas (entità spirituali) e la roccia è elemento fondamentale nell’inipi poiché viene scaldato e perciò ravvivato sulla fiamma del fuoco della vita per poter portare la saggezza dellla purificazione nella cerimonia.
 

L ’inipi (capanna sudatoria degli indiani) è costituita da 12 o  16 rami di salice bianco che piantati nel terreno e curvati formano una cupola del diametro 2 o 3 metri con l’ingresso generalmente rivolto a  Est, la base della costruzione è circolare dato il fatto che l’universo, le direzioni, il sole, la vita dell’uomo e tutta la creazione si riconducono al cerchio che rappresenta la forma base dello spirito che tutto anima e tutto dirige poiché ogni cosa si muove nello spazio fisico e in quello spirituale secondo questa forma geometrica, nell'antichità  ricoperta da pelli di bisonte, mentre oggi vengono usate coperte o teli, visto il delicato tentativo di ripopolare le praterie di bisonti. All’ interno dell’initi viene scavata una buca a forma circolare profonda circa 35-40cm che simboleggia l’universo e nel quale vengono posizionate le pietre che rappresentano la terra progenitrice.

Con la terra ricavata dalla buca interna viene delineato un “sentiero sacro”di circa 8 passi a est della capanna e poi costruito un tumulo di terra che simboleggia tunkasila e dove viene deposta la cannunpa Wakan. Ancora a Est della capanna a circa 10 passi si accende un fuoco che serve per scaldare le pietre e che rappresenta il potere di Wakan Tanka (Grande Mistero). Una volta che i partecipanti in maniera rituale e secondo precise regole entrano nella capanna  vengono introdotte le pietre arroventate (da un minimo di 7 fino a un massimo 40) con un bastone biforcuto, una volta chiusa la capanna viene versata l’acqua sopra pietre da colui che dirige la cerimonia e il calore che se ne sprigiona è molto elevato. La cerimonia viene seguita da preghiere e canti cerimoniali e dall’uso della pipa sacra da erbe come la salvia e l’ierocloe che sono gradite alle entità sprituali. In genere il rituale viene suddiviso in quattro parti e dopo ognuna la capanna viene aperta per consentire di far entrare un pò di aria.

E' vivamente consigliabile avvicinarsi a questo rito con rispetto e cautela visto la sacralità della cerimonia inoltre è bene assicurarsi che la persona che conduca la cerimonia sia una persona preparata e che non chieda denaro per parteciparvi perchè se cosi non fosse è bene diffidare immediatamente esattamente come accade oggi giorno dove vengono chieste partecipazioni ai riti indiani sotto pagamento come ogni cosa new age. Visto il calore e la sofferenza provata da chi è all'interno del initi se l'esperienza non viene condotta in maniera adeguata e da persona pronta ed esperta , la cerimonia può provocare malori spesso anche gravi.

L'inipi o capanna sudatoria deve essere condotta da chi la sa condurre, non seguite soggetti che aprono sti o blog inerenti alla pratica senza avere preparazionepoiché potrebbero arrecarvi danni considerevoli di salute, sappiate decidere e scegliere a chi affidarvi, non seguite le mode poiché esso non le segue, seguite il vostro cuore e pagatene le spese.